Il 25 aprile oggi, tra mito e attualità

La ricorrenza del 25 aprile è da sempre destinata a far discutere, anche animatamente, l’opinione pubblica italiana.

Questa tendenza, però, è stata nettamente accentuata nell’ultimo decennio e la diatriba è tra chi decide di festeggiare il 25 aprile e chi invece tende a rendere nota la sua contrarietà a tale ricorrenza e la sua ritrosia nel celebrare la Liberazione. Quello che si tende a ignorare, forse volutamente, è l’essenza stessa di questa data.

La libertà di scelta tra il festeggiare ed il non farlo è insita nella Liberazione. Sotto la dittatura, termine fin troppo abusato negli ultimi anni, questa scelta non è contemplata. Dunque l’importanza del 25 aprile consiste proprio nell’averci conferito, nuovamente, la possibilità di scegliere. La Liberazione impone però degli obblighi: non si tratta solo di ricordare ciò che è stato, ma la libertà va coltivata, perseguita, preferita sempre. La ricorrenza-mausoleo è un oltraggio a chi nel 1945 decise di resistere, di opporsi, di lottare in nome di qualcosa di più grande e comune a tutti. Le forze che liberarono l’Italia, infatti, furono profondamente diverse e divise, politicamente, a guerra terminata e dittatura finita. Seppero tralasciare le diversità e far fronte comune per ottenere, olisticamente, un valore più grande della sommatoria delle forze stesse, quello della libertà.

Se in Italia questo diritto sembra ormai consolidato, lo stesso non si può dire per molti altri Paesi. La guerra è sbagliata ovunque ed in qualsiasi modo la si combatta, ma aggredito e aggressore non si possono considerare uguali. L’invaso ha il diritto ma anche il dovere di resistere all’invasore. La resistenza, senza la quale non ci può essere liberazione, però, non è solo un fatto bellico ma deve essere una questione di coscienza.

Si rispetta il 25 aprile ogni qualvolta ci si oppone ad un sopruso, quando si combatte per un’idea ed il prepotente di turno viene sconfitto, anche dai molti che si alleano tra loro. Bisogna dunque, celebrare oggi il 25 aprile e viverlo quotidianamente.


Articolo pubblicato sul Quotidiano del Sud – L’Altravoce dei ventenni