Se fossi stella,
potrei starmene
sospeso
tra le altre stelle,
a disegnare
costellazioni,
nel blu profondo
della notte.

Se fossi astro,
potrei splendere
nel cielo
e dall’alto resterei
a guardare,
accarezzando
l’aria.

E invece
sono carne
livida
da macello.
Resto quaggiù
a mirare le stelle,
tra le cose
terrene,
tra la polvere
e i rovi.

Davide Uria

A proposito dell'autore

Venti

Venti non è una rivista. Venti non è un semplice blog. E’ un contenitore di idee, di sogni e di parole.

Post correlati