L’estate è arrivata, e anche se ancora le vacanze non sono arrivate per tutti, è il momento giusto per organizzarsi e per pianificare.

Quest’anno, se la vostra destinazione sarà il mare, dimenticate le levatacce mattutine per trovare un posto in spiaggia, o il ripiegare su alternativi piani B o C perché non l’avete trovato o perché la vostra spontaneità e motivazione è stata uccisa dallo stress di cercare un ombrellone o un lettino in lidi stracolmi. Ad aiutarvi (o, in extremis, a soccorrervi) c’è Coco.

Cos’è e come funziona

Coco è l’app che permette di prenotare il vostro ombrellone in spiaggia, pagandolo in anticipo, lasciandovi concentrare semplicemente sul divertimento.

L’interfaccia semplice e intuitiva permette agli utenti di selezionare i lidi direttamente dalla mappa o tramite ricerca. Una volta selezionato il lido, l’utente può vedere le informazioni in dettaglio sul prezzo dei pacchetti, il tipo di servizi offerti – Wifi, accessibilità per disabili, possibilità di avere una cabina e molto altro – e il rating e le review offerte dagli utenti che hanno già usufruito di questa struttura. Una volta prenotato il posto in spiaggia, l’app genera un codice da presentare al gestore del lido, senza bisogno di stampare alcuna ricevuta. E il pagamento avviene anche in app, tramite Paypal.

Un supporto per gli utenti ma anche per i lidi

L’altra faccia di Coco è rivolta verso i gestori dei lidi, che hanno a disposizione un canale di vendita aggiuntivo e spesso poco utilizzato in questo settore. Tramite una versione dell’app dedicata, i gestori possono configurare il proprio stabilimento inserendo prezzi, foto e servizi offerti, senza la necessità di parlare con alcun intermediario.

Al momento sulla piattaforma sono presenti oltre 60 lidi distribuiti da Nord a Sud sulle coste italiane: dalla Liguria fino alla Calabria, toccando anche le isole e la Puglia, regione di origine dei due fondatori. L’obiettivo però sarà anche portare questo servizio fuori dal nostro paese e offrirlo anche all’estero, per raggiungere un bacino più ampio di utenti.

L’idea

L’idea per questa applicazione e soprattutto la volontà di metterla in pratica è stata quella di Nicola Palumbo e Antonio Baldassarre, due ingegneri che lavoravano in Microsoft, prima di decidere di mollare un lavoro sicuro per poter perseguire il loro sogno e realizzare la loro idea, che non si limita solo a creare una piattaforma per gli utenti, ma anche delle “best practice” per la gestione dei sistemi di prenotazione dei lidi.

Una storia che potrebbe essere ambientata nella Silicon Valley, invece parte da Milano e percorre tutte le nostre coste per creare relazioni e partnership con gli stabilimenti balneari e per capire le esigenze degli utenti.

Non solo un servizio quindi, ma una missione: rivoluzionare il mondo del turismo balneare!

Crema solare, telo e Coco. Pronti a partire?

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

A proposito dell'autore

Giovanna Cataldo

Nata nel 1991 in Calabria, università a Milano (secondo anno di specialistica in Economics and Management of Innovation and Technology). Cittadina del mondo, curiosa e con mille interessi. La routine la annoia, stare sempre nello stesso posto non fa per lei. Scappa dalle responsabilità da adulti (che prima o poi la raggiungeranno). Appassionata di tutto ciò che è imprenditorialità, tecnologia, innovazione, made in Italy etc etc etc.

Post correlati