Maggio all’arrembaggio: è finita la quarantena… Ma siamo ancora qui a dirvi #chepena.

Questo mese si apre all’insegna delle buone notizie: dopo quasi due anni di prigionia, Silvia Romano è stata liberata. Ad attenderla c’erano nientepopodimeno che Peppe Conte e Gigino Di Maio, rigorosamente in disparte come i bambini davanti la chiesa pronti a lanciare il riso quando escono gli sposi. Ci chiediamo se, appena scoperto chi è il nuovo Ministro degli Esteri, la ragazza non abbia fatto esplicita richiesta di tornare in Somalia.

In Italia ovviamente abbiamo vissuto tutti il suo rientro con grande rispetto per la sua privacy e oggi, come si dice dalle nostre parti, sappiamo finanche quanti peli abbia sulle gambe. Letteralmente. Tant’è che, se vi fosse sfuggito, la settimana scorsa è andata dall’estetista. E poi siamo tutti felici del suo ritorno, soprattutto Giorgia Meloni (quella che è donna, madre e cristiana), Matteo Salvini (quello del rosario), Nicola Porro (quello col covid), Vittorio Sgarbi (quello Toro ascendente Capra), Pietro Sanaldi (quello dei titoli sobri di Libero), Alessandro Sallusti (quello che paga lo stipendio a Sanaldi) e Mario Giordano (quello famoso).

Il nostro Mario Giordano invece non riesce più a reggere il confronto. Ha già lanciato il monopattino dal balcone in barba al bonus, rinunciato alla sua carriera da assistente civico e ora sta anche valutando di cambiare il nome all’anagrafe in Donato. Si accettano suggerimenti se con o senza H finale.

Tutti i torti però quel Mario Giordano non li ha, a differenza del nostro; alla fine gli assistenti civici sono dei volontari che dovranno cooperare in ausilio alle forze dell’ordine per limitare gli assembramenti dovuti alla movida. Salvini sarà sicuramente contento perché finalmente hanno legalizzato le ronde. Che migliaia di Torinesi però fossero riversati in strada per assistere allo spettacolo delle Frecce Tricolore non lo ha notato nessuno (tranne, forse, il covid). Ai quindici giorni l’ardua sentenza.

Certo è che se Torino si fosse trovata in Campania, dubitiamo che una cosa del genere sarebbe mai accaduta. Del resto, il governatore De Luca è stato chiaro anche durante il confronto TV con la governatrice Santelli da Fazio: tra un fratacchione e l’altro, Vincenzo è rimasto irremovibile sulla sua decisione di rinchiudere i campani nell’area regionale. Jole, invece, si è fatta vincere dalla timidezza; subito dopo, però, ha giustamente osservato che misurare la temperatura ai calabresi il 25 agosto e aspettarsi che sia sotto i 37° è come sperare che due persone col coronavirus ne riescano ad infettare solo una. Ah no, forse quello era Gallera.

Torniamo però alla nostra Silvia… dovremmo chiamarla Aisha? O Silvia Aisha? O Aisha Silvia? E perché non Bloom? O Tecna? Per paura del suo Enchantix finanche Storace è arrivato a difendere la ragazza pubblicamente; in Parlamento, invece, Alessandro Pagano non ci ha pensato due volte a definirla “neo-terrorista”. Ma lei ci ha fatto sapere tramite i suoi canali social che non dobbiamo prestare attenzione alle cattiverie che vengono dette sul suo conto. Insomma, un po’ in stile Ciro Priello dei The Jackal:

Non vogliamo però tediarvi con la lista di calunnie che sono state dedicate alla Romano. Gli elenchi li lasciamo a Matteone nazionale che, intervistato da Bianca Berlinguer, ha raggiunto quota 63 sostantivi, inventando così un nuovo costrutto linguistico che siamo certi prenderà il posto del tradizionale soggetto-predicato-complemento.

Nel frattempo, il mondo dei prodotti per bambin* ha sfornato il top di gamma: Barbie Quarantena. Non siamo certi che il prodotto sia già in commercio, ma speriamo che una volta sfornata inizi subito a sfornare.

Su Twitter intanto c’è ancora chi si domanda se la moglie di Elon Musk abbia partorito un bambino o la nuova versione di Windows 2020. Speriamo comunque che X Æ A-12 (per gli amichetti Kyle) abbia ereditato l’intelligenza del padre e, da enfant prodige, riesca a scoprire entro i prossimi due mesi un modo per farci rispettare l’ultimo decreto legge facendo il bagno senza sostare sulla spiaggia. Nel frattempo, Alessandra sta valutando l’idea di iscriversi ai corsi di didattica a distanza di Hogwarts per imparare l’arte della levitazione e asciugarsi sospesa sulla sabbia dopo una bella nuotata.

E se di volo stiamo parlando (non la band lirica), non possiamo escludere quello che le cose le capisce veramente al volo: Al Bano Carrisi. Durante la quarantena, pare sia diventato il nuovo Piero Angela; dopo un lungo percorso da militante nell’intelligence ucraina, che ricordiamo essergli costato l’ingresso nella black list russa, ha rivelato nuove scoperte scientifiche in campo archeologico. Siamo giunti alla prova definitiva: gli umani hanno sconfitto i dinosauri. Del resto chi meglio di lui, concorrente al Festival di Sanremo fin da quando il Festival neanche c’era, può saperlo?

Per parafrasare qualcuno: ho sfonnato i dinosauri, fratellì.